Essere giornalista

Essere giornalista vuol dire amare il proprio Paese a tal punto da denunciarne ogni male.

Essere giornalista comporta rischi da dover prendere in forte considerazione.

Essere giornalista significa remare duramente contro il regime di Stato, qualora prendesse provvedimenti che infrangano la Costituzione.

Essere giornalista equivale ad esprimere il proprio dissenso.

Essere giornalista comporta la maturazione di un’idea politica. Quest’ultima non deve assolutamente prendere il sopravvento sulla ragione.

Essere giornalista significa amare l’arte, la cultura, la musica, la lettura, la scrittura e la storia.

Essere giornalista impone, secondo l’etica, di fare un giornalismo corretto, non lucrando sulle disgrazie altrui, possibilmente osservando la realtà con occhi diversi, di certo non ciechi. Cercare quindi di realizzare più inchieste possibili – ovviamente campate su basi solide – al fine di contribuire a regalare alla società un futuro più onesto e sereno.

I commenti sono chiusi.