Intervista a Dino Paternostro, direttore del giornale online “Città Nuove” e segretario della Camera del lavoro “Placido Rizzotto” di Corleone.

1) Come è cambiata, a suo giudizio, la mafia a Corleone nelle sue abitudini, nelle gerarchie, nel modo di fare affari, dagli anni ’50-’60 ad oggi?

Dagli anni ’50-’60 ad oggi nella mafia corleonese vi sono stati cambiamenti, ma anche una certa continuità. Già negli anni ’60, con Luciano Liggio e poi con Totò Riina e Bernardo Provenzano (preceduti da “don” Vito Ciancimino), da Corleone era “sbarcata” a Palermo, dove – negli anni ’80 – avrebbe conquistato i massimi vertici della Cosa Nostra siciliana. Nonostante lo sbarco in città, però, i mafiosi “corleonesi” hanno sempre continuato ad avere radici forti nella cittadina d’origine e legami profondi con la terra, quasi a non volersi staccare dalle origini “contadine”. Nel tempo anche a Corleone hanno cominciato a praticare il traffico degli stupefacenti e le estorsioni, sfatando il falso mito di una mafia “buona” che in paese impediva la circolazione di sostanze stupefacenti e non praticava il racket.

2) Ho ammirato l’importante lavoro da lei svolto nell’onorare la morte di un grandissimo sindacalista come Placido Rizzotto. Quando penso ai sindacalisti mi vengono subito in mente anche Pio La Torre e Giuseppe Di Vittorio. Oggi la politica è molto cambiata rispetto agli anni ’30-’40. Qual è l’insegnamento che i sindacalisti di un tempo possono dare a chi oggi vuol fare politica?

Si tratta di credere nei valori. Personaggi come Placido Rizzotto, Pio La Torre e Giuseppe Di Vittorio credevano nei valori della libertà, della democrazia e della giustizia sociale. Sostenevano che libertà e democrazia senza giustizia sociale era un vuoto esercizio di retorica. E per i valori in cui credevano mettevano in gioco la loro esistenza. Credevano anche alla necessità di promuovere nel Sud e in Sicilia lavoro e sviluppo nella legalità. Si tratta quindi di riscoprire questi valori e ricominciare queste buone pratiche. Per questo ci stiamo impegnando molto nel recupero della memoria storica. La memoria storica ci dice che siamo e da dove veniamo e ci da le coordinate per la direzione verso cui andare, avendo come stella polare i valori di cui ho parlato.

3) Ha partecipato come giornalista al Maxi-Processo? Che ricordo ne ha?

Il maxiprocesso alla mafia siciliana è stato possibile grazie a magistrati straordinari come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino (ma anche a Rocco Chinnici e Antonino Caponnetto, che hanno “inventato” il pool antimafia), ma senza il nuovo quadro normativo derivante dalla legge La Torre non sarebbe stato possibile. Dobbiamo, quindi, essere grati a Pio La Torre che ha voluto introdurre nel codice penale l’art. 416 bis, cioè il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso. Paradossale per quanto possa sembrare, fino al 1982 in Italia essere mafiosi non era reato. Lo è diventato con l’entrata in vigore della legge voluta fortemente da La Torre, che ha introdotto anche la norma del sequestro e della confisca dei beni di provenienza illecita. Io ho conosciuto Pio La Torre e ricordo quando mi diceva in dialetto stretto: “Ai mafiosi ci dobbiamo togliere i picciuli”. Quella del maxiprocesso fu una stagione straordinaria, che mise fine al mito dell’impunibilità della mafia.

4) Che ricordo ha di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Pio La Torre, Carlo Alberto Dalla Chiesa e don Pino Puglisi?

Sono tutti personaggi straordinari. Falcone l’ho incontrato un giorno a Ficuzza, una borgata di Corleone, dove era venuto un 20 agosto per ricordare il colonnello dei carabinieri Giuseppe Russo. Con Pio La Torre avevo una frequentazione derivante dalla comune militanza nel partito comunista italiano. Ricordo che abbiamo fatto una giornata di campagna elettorale insieme nel 1976. Pio arrivò la mattina da Palermo con una vecchia 127 rossa (altro che macchinoni di lusso dei politici di oggi!) e siamo andati a fare comizi prima a Prizzi, poi a Palazzo Adriano, poi ancora a Bisacquino, dove è andato subito a trovare un anziano contadino, Salvatore Catalano, che era stato ferito alla spina dorsale il 10 marzo 1950 durante l’occupazione del feudo di S. Maria del bosco e che da allora rimase invalido su una sedia a rotelle per tutta la vita.

Non ho conosciuto personalmente Paolo Borsellino e don Pino Puglisi, ma costituiscono punti di riferimento ideali davvero importanti per chiunque si batta contro la mafia e per la giustizia sociale.

5) Pur non essendo vissuto negli anni in cui è stato segretario del PCI, mi sono appassionato alla figura politica di Enrico Berlinguer. Che giudizio ha di quest’uomo?

È stato un uomo politico antico e moderno contemporaneamente. Antico nel suo restare legato ad una moralità e ad una concezione austera della vita tipica dei nostri padri costituenti. Moderno nel sapere cogliere i limiti e le contraddizioni del comunismo internazionale, portando il Pci a superarlo. Moderno nell’aver  saputo intuire le degenerazioni del sistema politico italiano, che si stava trasformando sempre più in una mera macchina per la gestione del potere. Si, certo, oggi si sente la mancanza di un uomo politico dello spessore di Enrico Berlinguer.

6) Lei crede che il carcere possa avere realmente la funzione di rieducare il detenuto affinché, una volta libero, non compia più atti criminali?

L’Italia è il paese di Cesare Beccaria e deve essere orgogliosa  di questo. Il fine del carcere dev’essere quello di rieducare il cittadino che sbaglia. Ci vuole però anche equilibrio e senso di responsabilità, affinchè rappresenti anche un luogo dove chi sbaglia sconti davvero la sua pena.

7) Ha mai conosciuto qualcuno dei nove giornalisti uccisi dalla mafia? Che ricordo ne ha?

Non ho conosciuto nessuno di loro personalmente, ma i nomi di Cosimo Cristina, Mauro De Mauro, Giovanni Spampinato, Peppino Impastato, Mario Francese, Pippo Fava, Giancarlo Siani, Mauro Rostagno e Beppe Alfano sono scolpiti nella mia mente e rappresentano esempi di “giornalisti giornalisti” – come diceva Siani – di cui andare fieri. La libertà di stampa rappresenta uno dei diritti fondamentali dei cittadini. Non a caso, l’Assemblea nazionale francese, ai tempi della rivoluzione del 1789, l’inserì ai primi posti della “carta costituzionale”. I tanti giornalisti italiani assassinati dalle mafie dimostrano, purtroppo, che nel nostro Paese la libertà di stampa non gode di ottima salute.

8) In attesa di un risveglio dai piani alti della politica, cosa possiamo fare noi giovani per contribuire alla lotta contro le mafie?

I giovani, come ci disse nel 1972 Leonardo Sciascia in un’intervista per il giornalino del liceo, possono fare tutto, a condizione che restino giovani. A condizione, cioè, che non accettino compromessi e non aspettino la rivoluzione mondiale per cambiare le cose. La rivoluzione mondiale non verrà. Per cui bisogna cominciare qui ed ora a cambiare le cose, partendo dai piccoli comportamenti quotidiani, senza aspettare il risveglio dei piani alti della politica, ma provando a cambiare la politica, costringendola a cambiare. Oggi c’è bisogno di un’antimafia sociale, capace di coniugare la rivolta etica degli onesti con la costruzione di percorsi capaci di creare lavoro e sviluppo nella legalità. E qualcosa sta nascendo: in Sicilia, ma anche in altre regioni meridionali, grazie alla legge di iniziativa popolare n. 109/96, voluta da “Libera” e dalla società civile, si sono costituite tante cooperative sociali di giovani che coltivano le terre confiscate alle mafie. Sono diverse centinaia di giovani che oggi lavorano onestamente attraverso il riuso produttivo delle terre strappate ai boss di Cosa Nostra, della ‘Ndrangheta, della Sacra Corona Unita  e della Camorra. Tra l’altro, grazie a queste cooperative, nei nostri territori ogni anno arrivano migliaia di giovani volontari da diverse regioni d’Italia, che s’impegnano nei campi di lavoro e di studio, fanno sentire meno soli i soci della coop antimafia, aiutano a conoscere meglio la storia e le storie della mafia e dell’antimafia, fanno maturare una nuova coscienza civile.

“Placido Rizzotto. Alle radici dell’antimafia sociale a Corleone e in Sicilia” di Dino Paternostro (Ed. Ist. Poligrafico Europeo), p.208, €15,00.